Memorandum

Non devo più mangiare in piedi. Come i cavalli, no.
E scrivere più spesso. Senza fronzoli, come la vita.
Disfare più spesso le valigie, anche. Ricordarsi di disfarle. Mettere nei cassetti le cose pulite. Farmi un caffé.
E correre anche. Fare vacanze al mare. Non abbassare le difese. Strong. Ricordarsi che non c’è bisogno di sorridere. No. Non bisogna far piacere a nessuno.
E scrivere. Sedersi a mangiare. Non sei un cavallo. Vabbé un pony.
No. Dire no. Più spesso. No no no no. No.
Ascoltare musica. Ricordarsi della musica. E leggere. Leggere sempre. Irrinunciabili parole.
Devo aprire le finestre la mattina. Tutte. Salire su treni, barche, aerei. Smettere di sognare. Il sonno è più tranquillo così. E mi devo ricordare di dormire.
Riposare.
Invecchiare. Devo ricordarmi di invecchiare.
Meditare. Scoprire il Buddha in me. Liberarmi da tutte le inutili passioni.
Questa è una vita marina. Siamo onde.