Reality check

Touch down. Mi piacciono gli arrivi, desidero i ritorni. Ed allo stesso tempo mi manca la frizzante leggerezza di ogni partenza. La valigia ancora mezza sfatta, il tiepido giorno di un’estate morente ma già finita un mese fa.
Dopo essermi aggirata per le stanze vuote e troppo grandi mi chiedo se ho imparato a non inseguirli più, quei mulini a vento.
La valigia la tengo a portata di mano. Non si sa mai.
Ho bisogno di un silenzio costante.
Interiore.

Annunci

4 pensieri su “Reality check

  1. Ti fa onore il fatto che tu non voglia cimentarti in imprese donchisciottesche ma… Sancio Panza non ti ci vedo… ti immagino più come un nobile gentiluomo che mi offra un po’ della saggezza che mi manca, che dici? 😉 Un abbraccio.

  2. E prima di aprire il tuo blog – prima ancora di accorgermi del tuo nuovo post sul mio blogroll – io stavo scrivendo di viaggi sul mio.
    Restando incerta per un paio d’ore sul titolo che poi ho scartato in favore di qualcosa di meno specificamente allusivo:
    “la ragazza con la valigia”.
    E vabbé. Rassegnamoci ad avere questa impalpabile, incredibile, sintonia. 😀

    (Son cose belle, queste. Che mi danno coraggio.)

  3. Ragazza con la valigia? Mi ci ritrovo. Mi ci ritrovo da anni 😉
    Rassegnamoci sì… il coraggio? quello di andare avanti nonostante tutto, quello rimane. Ciao bella 😉

Quello che vuoi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...