Io che al freddo soffro

quando l'ovest illumina la sera

La piccola valigia, due cose scelte da portare. Io che al freddo soffro, vado al nord continentale e non so scegliere i maglioni. Non mi intendo di stivali, calzettoni. Al ritorno, il freddo mi seguirà tra le Alpi ed io non voglio. Non voglio non voglio. Non so come coprirmi.
Ammetto la mia inettitudine agli inverni. La mia impotenza di fronte alla neve e alla tempesta. Il mio disagio per i piedi freddi e le mani congelate. E il gelo sulla punta del naso, quello poi. Respirare tra le fibre di una sciarpa.
Non amo neppure i continenti, le pianure. Forse la neve sulle montagne, forse. Perché la loro grandezza intimorisce e necessita rispetto.
Ma è solo rispetto, non amore.
Il freddo è sterilità, l’inverno è immobilità dell’animo. Il ventre si stanca, il corpo diventa spigoloso. La pelle scompare sotto gli strati protettivi e non sente più gli elementi.
Dicembre è buio, ingrato. Questi ultimi giorni non lasciano scampo, venti lunghissimi giorni bui al sostizio. Si incupiranno i miei pensieri, si infoltiranno le mie immaginazioni sulle carezze di un mare caldo e di un sole rassicurante. Non lascia spazio all’ingratitudine, un lungo giorno solare.
La piccola valigia è da finire. Ci metto un libro, una maglia in più. Un ricordo caldo, da nascondere sotto un cuscino estraneo. Magari riesco anche a dormire, sono già stanca.

Annunci

12 pensieri su “Io che al freddo soffro

  1. Il al freddo ci sto bene, il freddo, quello secco, asciuga e pulisce, accarezza la pelle lasciandoti piccoli brividi. Il freddo di una mattina all’alba, subito fuori da un rifugio a guardare negli occhi il sole che nasce dona una sensazione impagabile.
    Il freddo non è sterile, ma protegge e persevera.
    Correre al freddo è uno dei piccoli piaceri della vita, (subito dopo il correre alla pioggia, ma quella è un’altra storia)
    Concordo con il Russi anch’io. E già che ci sei svaligia anche qualcosa su X-Bionic. Vedrai, lì non c’è freddo che tenga.

    • Eh no, a me il freddo fa stare proprio male fisicamente. Correre sotto la pioggia è un’altra cosa caro D&R ed entrambi, da corridori, sappiamo cosa vuol dire 😉 Correre al freddo ti riscalda, ma solo per poco. Poi la vita quotidiana si trascina in attesa della primavera. E non so come coprirmi. Con la marea glaciale che ci attende nelle prossime ore, a me viene in mente in continuazione la splendida ondata di caldo che ci ricopre ogni estate. E la invidio. Io non sono montana, come ti ho accennato. Per me in inverno bisognerebbe entrare in letargo, punto. Non a caso molti altri animali lo fanno 😉
      Vabbé, si dovà andare da X-Bionic… 🙂

  2. Ci avviciniamo a grandi passi al solstizio, piccolo giorno di gioia immensa. Sommessa, negata dalla sofferenza del freddo e del buio, ma immensa. Presagio di una felicità nuova che ci attende, delle spighe d’oro, dei fiori multicolori, già di nuovo tra noi, minuscoli, silenti e dormienti nei loro minuscoli, delicatissimi e vigorosi boccioli, ma vivi. Giorno di giubilo e festa come nessun altro, dai Saturnali al Natale, di stanca e struggente esultanza dell’umanità stremata che anche per quest’anno, circondata dalle tenebre, può tornare a portare nel cuore una speranza di luce che verrà. Il sole ferma la sua corsa all’orizzonte anche quest’anno: anche quest’anno tornerà la vita. Non c’è niente, niente di più soffice, e consolante, e inebriante, del sussurro della vita che anche quest’anno, per quest’anno ancora, almeno, come la Bella Addormentata, come la figlia di Giairo, come Proserpina, ci ripete: “non sono morta, sto solo dormendo, nascosta, al sicuro.”

  3. Tendenzialmente amo il caldo, il mare, la luce, la libertà. E pensare che vivo ai piedi delle Alpi. Come essere costantemente fuori posto. Ironico, no?
    Ma quando vedo lo sguardo pieno di incontenibile, innocente gioia del mio cane che corre e rotola nella neve, inconsapevolmente felice, beh, mi sta bene pure di dovermi congelare le chiappe. Mortacci.
    Si sopporta, come tutto nella vita.
    E’ una ruota che gira. Passerà.

Quello che vuoi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...