Non più

Image

Non erano più briciole, né avanzi. Neppure brandelli di vita trascinati dalla corrente di un fiume che lei era abituata solo a guardare dalla riva. No, era un amore testardo e irrinunciabile, di una potenza inimmaginata. E le aveva dato i remi per remare, le gambe per correre ancora, il sangue per far pulsare ancora quel cuore addormentato. All’inizio di ogni giorno assopito, vissuto singolarmente e senza aspettative, ora che aveva riscoperto l’alba.
Che belle le albe, pensava, e che splendore questi nuovi inizi. E non nutrirsi più di briciole, ma ricordare sempre il suo sapore. E ancora, sapere ogni giorno che ce l’avrebbe fatta.
Vai, prendi il timone ora che sai la rotta. Anche se la rotta avrebbe potuto cambiare. E non dimenticare di guardare l’alba. Perché anche con la pioggia il sole c’è, dietro le nuvole.
Poi lei, come ogni mattina, raccoglieva le sue cose e usciva nella vita, così tanti erano i percorsi da scoprire. Non più impaurita.
Non più sola.

Annunci

Anime salve

nolde

Ci salveremo un giorno, sai? Il perché è semplice. Noi siamo quelli che si rialzano sempre, dopo ogni caduta. Quelli che si asciugano al sole dopo il temporale. Ci salveremo perché siamo sopravvissuti fino ad ora, facendo un vanto delle nostre macerie. E delle nostre cicatrici. A poco a poco, riusciamo anche a mostrarcele a vicenda.
La felicità? In questa vita sono solo attimi. Ce li prendiamo, li assaporiamo senza pudore, con il sano egoismo del nostro presente.
E sognamo un po’. Di quella serenità costante dello svegliarsi nel posto giusto ogni mattina, finalmente. Ma non in questa vita. Lo sappiamo, noi, che questa vita non è abbastanza. Che forse è troppo tardi. Che tra queste macerie si può trovare solo qualche sporadico fiore.
Nella prossima, certamente. Perché siamo destinati a reincontrarci, stavolta nel posto giusto e nel momento giusto, non importa in quale forma e in quale corpo.
Adesso riposiamoci un po’. Abbiamo corso troppo, su strade differenti ma convergenti. Abbiamo corso per un lunghissimo mezzo secolo sperando e disperando di salvarci. Arrivando ad approdi diversi tra una tempesta e l’altra. Ora riposiamoci in questo porto silenzioso, lontano dalle grida e dal possesso.
Perché ci salveremo un giorno, sai? Per ora, sognamolo.